Comune di Grondona

Riferimenti pagina
Navigazione
Testo
Accessibilità

Home
CERCA:

Navigazione

Eventi
Marzo 2017
LuMaMeGiVeSaDo
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Accessibilità

Amministrazione


Cenni Storici

Un po' di storia

Grondona ha una storia ricca di avvenimenti.
Anzitutto bisogna distinguere Grondona vecchia da Grondona nuova che è quella attuale. Nell'alto medio evo era soggetta ai Marchesi di Gavi; nel 1085 Guido marchese chierico la vendette a Girvinio suddiacono con altri castelli e con la sua metà del castello di Grondona. 

Ai tempi di Federico Barbarossa troviamo Grondona dipendente dal comune di Tortona dove venne proprio riconosciuta nel 1176 dallo stesso.

Dopo la disfatta della città, quelli di Grondona volevano distaccarsi da Tortona, ma i Tortonesi nel 1170 obbligarono gli uomini di Grondona a giurare loro fedeltà, ed essi, non solo la giurarono, ma promisero anche di mantenere la strada reale per la quale si andava da Tortona a Genova.

Nel 1181 la città acquistò il luogo di Grondona comprandone la propietà, mentre prima aveva solo la giurisdizione.
Nello stesso anno al 12 aprile i signori di Grondona ricevettero dal podestà di Tortona il monte che allora si chiamava Grondona Nuova e che prima si chiamava Asserello col patto che lo munissero e tenessero ad onor di Dio, di S. Marziano e del Comune di Tortona.

Nel 1185 i marchesi di Gavi diedero ai consoli di Tortona il castello e la corte di Grondona, e sciolsero i signori di Grondona dal giuramento di fedeltà il quale venne prestato ai consoli di Tortona cui dovevano pagare le tasse, col patto che non dovessero far guerra detti marchesi.Per capire queste cose bisognerebbe conoscere la natura dei feudi, cosa che dilungherebbe troppo il discorso.

Nel 1192 i signori di Grondona promisero di far guerra agli abitanti del Vescovato che avessero voluto ribellarsi al comune di Tortona.

Nel 1235 i sigg. di Grondona ed i consoli di Tortona fecero un nuovo accordo in virtù del quale i consoli liberarono i signori di Grondona dal pagamento delle colte e dei fodri e quelli promisero di mantenere il loro castello guarnito e aperto ad ogni necessità del comune di Tortona ed aiutarlo in guerra contro chiunque eccetto al comune di Genova.

In seguito il feudo passò ai Fieschi, e dopo la celebre congiura di Gian Luigi fu dato ai Doria, ed incorporato nel Feudo di Fabrica. Facciamo notare che Grondona è sempre chiamata corte, luogo importante e che diversi di quelli atti notarili furono redatti nella cappella del castello. Questo era sulla vetta del monte ad oriente di Grondona.
Aveva forma oblunga, ed era munito di tre torri rotonde.

Nella notte del 23 aprile 1934 con grande strepito il monte si spaccò in mezzo e franò: il castello rimase metà sulla vetta rimasta, e l'altra parte fu travolto dalla riuna. La frana distrusse alcune case al piede del monte e le altre le danneggiò. Per opera del governo furono edificate case nuove fuori del paese per i danneggiati. L'acqua potabile fu condotta nel 1913. Della Grondona vecchia contrapposta alla Grondona nuova non trovasi alcuna notizia. Grondona è parola ligure Grondton latinizzata con l'aggiunta della finale.


In Evidenza

04/01/2016 - INTITOLAZIONE PIAZZA RICCARDO GARRONE

Si comunica alla cittadinanza che in data 21/01/2016 si svolgera' la cerimonia di intitolazione...

20/03/2015 - Comunicazione del Codice identificativo dell'ufficio destinatario

Comunicazione del Codice identificativo dell'ufficio destinatario della fatturazione elettronica...

28/01/2015 - IMU TERRENI AGRICOLI

Si avvisano i Cittadini che il Comune di Grondona risulta esente dal Pagamento IMU sui Terreni...


Link Utili

Meteo




©2014 - Comune di Grondona


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru